News

Massime della Cassazione

ELUSIONE FISCO LIQUIDARE MANAGER COMPENSO ELEVATO

La Cassazione, con l’ordinanza n. 25572/2013, ha stabilito che “in tema di imposte sui redditi e con riferimento alla detrazione di quello d’impresa, l’art. 62 del dpr 22 dicembre 1986, n. 917, limitando la deducibilità delle spese per prestazioni di lavoro a quelle sostenute per quello dipendente e per compensi spettanti agli amministratori di società di persone, non consente di dedurre dall’imponibile il compenso per il lavoro prestato e l’opera svolta dall’amministratore unico di società di capitali”.

 

ILLEGITTIMO LICENZIAMENTO COLLETTIVO DISPOSTO SEPARATAMENTE PER CENTRI PRODUTTIVI

La Cassazione, con la sentenza n. 25310 del 11 novembre 2013, in riferimento ai licenziamenti collettivi per riduzione del personale, conferma il proprio orientamento maggioritario.

Infatti ha affermato che “ai fini della determinazione dell’ambito di attuazione del licenziamento e dell’individuazione dei lavoratori da licenziare deve tenersi conto di tutti i lavoratori dell’azienda, così non può valere a ridurre il numero dei soggetti da valutare comparativamente il mero ridimensionamento (o la stessa soppressione) di un reparto, potendo la riduzione del personale essere limitata agli addetti a tale reparto solo allorquando sia costoro sia gli addetti ai restanti reparti siano portatori di specifiche professionalità non omogenee che ne rendano impraticabili in radice qualsiasi comparazione”